Rimedi omeopatici

Ledum Palustre

ledum palustreIl rimedio omeopatico Ledum Palustre ha matrice materiale nell’omonima pianta, un piccolo cespuglio noto anche come rosmarino selvatico e Tè Labrador.

Nella storia…

Storicamente la pianta è stata utilizzata in Europa settentrionale come rimedio popolare per la pertosse e gli attacchi biliari, oltre che per certe malattie della pelle, diarrea e dissenteria. Gli svedesi usavano un decotto della pianta per lavare i bovini e per uccidere i pidocchi. In Lapponia, dei rami venivano posti sui covoni di grano per tenere lontani i gatti. In passato in Canada un infuso di foglie veniva usato dai cacciatori come sostituto del tè.

La pianta fa parte delle Ericaceae, una famiglia molto antica; sono state rinvenute forme fossili di epoca preglaciale. La pianta predilige i freddi climi del nord e luoghi paludosi.

Continua a leggere

Clinica omeopatica

Pigrizia e attività fisica? Omeopatia unicista

mesopOggi pigrizia e avversione al movimento sono comuni anche tra persone consapevoli di quanto l’esercizio fisico sia fondamentale per la salute. L’uomo è pur sempre un animale e la perfetta struttura osteo-muscolo-tendinea che ci dà movimento esiste perchè ci si muova continuamente….

Per la Medicina Omeopatica, una vita sedentaria è una condizione innaturale, dato che staticità e pigrizia sono la negazione del dinamismo della forza vitale. Come tutte le condizioni innaturali persistenti,  la sedentarietà perturba la salute e, di conseguenza,  dapprima riduce le potenzialità mentali e fisiche della persona e,  poi, determina disturbi e malattie.

Il rapporto dell’Academy of Medical Royal Colleges sull’esercizio fisico

A large group of vibrant young adults outside with a sky backgroun

Il rapporto della Academy of Medical Royal Colleges, “Exercise: The miracle cure and the role of the doctor in promoting it”  (“Esercizio: la cura miracolosa e il ruolo del medico per promuoverlo”), si basa su decenni di evidenze epidemiologiche che hanno mostrato il guadagno in salute e il risparmio di spesa sanitaria che si ottengono con la prescrizione medica di attività fisica per la prevenzione di una nuova patologia, definita “la sindrome della morte da sedentarietà”. Continua a leggere

Clinica omeopatica

Deodoranti, antitraspiranti, omeopatia

sudoreTra i prodotti utilizzati per il “problema sudore e cattivo odore“distinguiamo due categorie che hanno un’azione del tutto diversa: deodoranti propriamente detti  e antitraspiranti. Il sudore svolge una funzione eliminatoria  indispensabile alla salute, oggi fondamentale per la gran quantità e varietà di inquinanti, che si sommano alle tossine interne, da sempre tenute in grande considerazione dalla Medicina Omeopatica. Anche chi segue uno stile di vita abbastanza sano, considera i prodotti cosmetici come estranei alla salute; rivestono l’esterno del corpo e quindi al peggio, si pensa, danno allergie cutanee. Invece…certi prodotti cosmetici possono nuocere alla salute.

odoreI deodoranti agiscono inibendo la fermentazione odorosa svolta dai batteri presenti sulla pelle, a partire da molecole del sudore, nelle ore successive alla sudata. I deodoranti spesso contengono profumi per mascherare eventuali odori. Dunque essi non agiscono sulle ghiandole sudoripare e non interferiscono con la funzione di sudorazione ma impediscono solo la trasformazione batterica del sudore. Continua a leggere

. Adolescenti, . Ansia, . Dermatologia, . Psiche

Cattivo odore di sudore? Omeopatia

sudore naturaleIl sudore è spesso vissuto come inestetismo: che imbarazzo essere umidi, traslucidi e con odore ritenuto sgradevole! Eppure la sudorazione è  naturale e fa bene alla salute, non solo perchè raffresca l’interno del corpo ma anche perchè depura svolgendo una funzione emuntoria spesso sottovalutata. Oggi è dimostrato che attraverso il sudore si eliminano oltre a sali di sodio, potassio, magnesio, anche metalli pesanti come arsenico, cadmio e piombo, e petrolderivati cancerogeni come ftalati e bisfenolo.

Continua a leggere

Rimedi omeopatici

Berberis Vulgaris

berberis vulgarisl rimedio Berberis Vulgaris ha la sua matrice materiale nel mondo vegetale nell’omonima pianta, la Berberis vulgaris (nota anche come crespino), un arbusto spinoso molto diffuso in Europa, Asia e America settentrionale; in Italia cresce allo stato spontaneo nelle zone alpine e prealpine. Appartiene alla famiglia delle Berberidaceae, il cui nome deriva da berberi (conchiglia) che esprime la conformazione a conca dei petali.

Si sviluppa per un’altezza fino a 3 m. I rami, fortemente scanalati, inizialmente di color giallastro, diventano grigi al secondo anno.

Le foglie, di color verde opaco, nascono verso metà marzo e crescono alterne sui rami lunghi e in gruppi sui rami corti; sono larghe, obovate, con dentellature sottili  e picciolo corto. Alla base del gruppi di foglie ci sono tre spine molto appuntite. Continua a leggere