- Metodo omeopatico, - Omeopatia & Cura online

Cura omeopatica e Videocolloquio

Omeopatia Dinamica è un sito medico di omeopatia classica per curarsi, informarsi e conoscere il metodo di cura hahnemanniano. La cura online ha per fulcro il Videocolloquio con il Medico Omeopata: il classico colloquio omeopatico di 60-90 minuti è ora in audio-videocomunicazione, con pochi click e piena privacy. Il Videocolloquio Omeopatico è preceduto da Questionario e Programma di Consulenza con indicazione del costo e del tempo di cura previsto. Continua a leggere

- Omeopatia & Cura online, . Alimentazione, . Bambini, . Gastro-enterologia

Omeopatia unicista nel reflusso gastro-esofageo

Il reflusso gastro-esofageo si correla a una molteplicità di fattori:

  • fattori anatomici, come ernia iatale e incontinenza del cardias
  • fattori dietetici, come pasti abbondanti e consumo eccessivo di caffè
  • fattori emozionali come stress e ansia.

La cura di Omeopatia Unicista è indicata per l’adulto, il lattante e il bambino. La cura omeopatica non può modificare l’aspetto anatomico della giunzione gastro-esofagea, ma aiuta leconomia interna dell’organismo ad adattarsi con meccanismi compensatori alle alterazioni presenti, migliorando in modo significativo la sintomatologia, soprattutto quando le alterazioni sono di grado lieve e medio. Se invece non ci sono alterazioni anatomiche e il reflusso è di carattere funzionale, l’Omeopatia Unicista cura in modo radicale e duraturo il malfunzionamento della peristalsi o motilità. Certamente è necessario associare alla cura accorgimenti dietetici, tuttavia la cura di Omeopatia Unicista non richiede una dieta stretta e inoltre durante la cura desideri alimentari dannosi diminuiscono. Perchè? Continua a leggere

- Metodo omeopatico

Piante medicinali: omeopatia e fitoterapia a confronto

officinaliMolte piante officinali, utilizzate sin dall’antichità in medicina, costituiscono la matrice materiale da cui viene preparato il corrispondente rimedio omeopatico con speciale procedimento di diluizione-dinamizzazione. E’ opinione comune che le proprietà curative del rimedio omeopatico siano le stesse del prodotto erboristico, con la sola differenza che il medicinale omeopatico è privo di effetti collaterali. Invece…. le differenze tra le proprietà curative della pianta officinale e quelle del rimedio corrispondente sono radicali, come le differenze tra il seme e la pianta con fiori e frutti. Continua a leggere

Rimedi omeopatici

Dulcamara | I rimedi omeopatici

dulcaIl rimedio omeopatico Dulcamara, nome botanico Solanum Dulcamara L., trova la sua matrice materiale nel mondo vegetale: è un arbusto rampicante, la belladonna di bosco, appartenente alla stessa famiglia dei rimedi Belladonna, Solanum Nigrum, Capsicum, Mandragora, Stramonium.

Cresce in luoghi umidi e ombrosi, ha fusto legnoso da cui si dipartono rami affusolati che salgono e si arrampicano su ogni supporto disponibile. I fiori hanno forma di stella e sono molto belli, hanno 5 petali violacei circondati da un cono centrale di stami dorati e continuano a sbocciare per tutta l’estate. Le foglie sono verde scuro con piccoli piccioli e quelle superiori sono trilobate. Gruppi di bacche affusolate lucide e traslucide, altamente velenose, costituiscono i frutti, pendenti da sottili piccioli. Inizialmente il succo del fusto e delle foglie è molto amaro ma, a seguito dell’interazione con la saliva, tende ad assumere un sapore dolce: ecco spiegata l’origine del nome antico “ Amara Dulcis” e di quello odierno “Dulcamara”. Continua a leggere

- Omeopatia & Etica

Il concetto di “uomo” in Medicina Omeopatica

In omeopatia il concetto di uomo origina dalla comprensione unitaria di tre differenti campi di studio che compongono il corpo dottrinale della Medicina Omeopatica.

Il primo campo di studio è lo studio dell’uomo in salute ; la salute è in omeopatia non solo assenza di malattia e benessere individuale, ma la libertà dalla malattia muove l’uomo in salute a volere il bene, pensare il vero e agire per il bene comune.

Il secondo campo di studio è lo studio del’uomo nel suo stato ammalato da malattia naturale. Le malattie sono dynamis, forze patogene esterne che possono agire sull’uomo solo in virtù della suscettibilità della dynamis o forza vitale dell’uomo. Quindi le modificazione dell’uomo prodotte dalle malattie attengono al potenziale umano, fanno parte dell’ essenza dell’uomo.

Il terzo campo di studio è lo studio dell’uomo nel suo stato ammalato da malattia artificiale nel corso del proving: classica sperimentazione di medicinali omeopatici su volontari sani. I medicinali omeopatici sono dynamis, forze che sono patogene sul sano e curative sul malato; esse possono agire sull’uomo solo in virtù della sua suscettibilità interna. I proving rivelano non solo le indicazioni curative dei medicinali, ma rivelano anche innumerevoli stati possibili all’uomo, innumerevoli stati del corpo e della mente.

Mentre le malattie naturali si evolvono insieme alla storia dell’uomo e presentano un profilo generale caratteristico dell’epoca, all’interno del quale ci sono moltissime peculiarità individuali che guidano alla scelta del medicinale curativo, le malattie artificiali causate dal proving rappresentano possibili stati fisici e psichici dell’uomo, che sono indipendenti dall’epoca in cui egli vive.

Quello che contraddistingue la concezione etica omeopatica da altri saperi olistici è la conoscenza delle modificazioni della volontà, dell’intelletto e dell’azione umana che si accompagnano, da un lato alla malattia naturale e artificiale, dall’altro alla cura e guarigione. Con la malattia l’uomo si disgiunge dal naturale legame vitale con il cosmo e con l’umanità: si desiderano avidamente, a scapito degli altri , cose materiali, il pensiero è strumento del loro raggiungimento e le azioni risultano vacue e inique.

Con la guarigione omeopatica l’interesse proprio e l’interesse altrui tendono a ricongiungersi: si vuole il bene, il pensiero si volge alla ricerca di verità e le azioni sono finalizzate al bene comune. Il concetto omeopatico di uomo e la concezione etica che lo permea sono quindi radicati nella sperimentazione dei medicinali e nella clinica omeopatica: un enorme corpo dottrinale, razionale e sistematico, di cui disponiamo grazie all’applicazione del metodo medico fondato da C.F.S. Hahnemann.