Rimedi omeopatici

Natrum muriaticum | I rimedi omeopatici

Il rimedio omeopatico Natrum Muriaticum ha matrice materiale nel modo minerale nel cloruro di sodio, il comune sale da cucina.

Il cloruro di sodio è un sale binario, costituito cioè da due soli elementi tra i quali non compaiono nè idrogeno nè ossigeno. Deriva dalla reazione chimica che si sviluppa tra idrossido di sodio e acido cloridrico e che dà luogo alla formazione del sale e alla liberazione di acqua:

Na(OH)+HCl->NaCl+H2O

Il cloruro di sodio non è una molecola ma un composto ionico. La differenza è che in una molecola gli atomi mettono in comune coppie di elettroni per raggiungere lo stato di massimo equilibrio, in un composto ionico invece non sono presenti atomi ma ioni (ossia atomi aventi carica positiva o negativa, a seconda che abbiano ceduto o aquisito elettroni) tenuti vicini da forze di natura elettrostatica. Quindi il sale da cucina così solido in realtà non è costituito da molecole ma da piccolissimi ioni legati non da legami materiali, ma di natura.. energetica! Continua a leggere

Rimedi omeopatici

Pulsatilla nigricans | I rimedi omeopatici

Il rimedio omeopatico Pulsatilla Nigricans ha la sua matrice materiale nel mondo vegetale: viene preparato a partire  dall’anemone dei prati chiamato anche fiore del vento e fiore di Pasqua; appartiene alla famiglia delle Ranuncolaceae. È uno dei fiori caratteristici dei terreni alcalini. Ha meravigliosi fiori a forma di campana di color viola scuro con un centro giallo intenso. Le foglie sono di due tipi: le foglie che crescono sui loro steli a partire dal suolo con venature profonde e simili a felce, e le lunghe foglie simili a dita che circondano lo stelo del fiore. Cresce soprattutto sulle montagne del Nord America e dell’Eurasia.

Continua a leggere

Rimedi omeopatici

Ignatia amara | I rimedi omeopatici

http://www.sm.com.pk/image/cache/herbs/uploaded/Ignatia-Amara-Drawing-2-500x500.jpgIl rimedio omeopatico Ignatia amara ha la sua matrice materiale nel mondo vegetale: viene preparato a partire dal cosiddetto fagiolo di sant’Ignazio, il frutto della pianta Strychnos Ignatia il cui nome è in onore di Ignazio di Loyola, fondatore dell’Ordine dei Gesuiti. La Strychnos Ignatia appartiene alla famiglia delle Loganiaceae, è un arbusto cespuglioso alto, legnoso e rampicante, originario delle Filippine. Le foglie ovate glabre si trovano in coppie opposte; bianchi fiori tubulari danno bacche larghe e piriformi di circa 10cm di diametro che contengono fino a 24 semi simili a sassolini immersi in una polpa gialla e amara. I semi sono pesanti, duri, di forma piramidale con lati appiattiti e irregolari di dimensioni di 1,5-2 cm. Il colore è grigiastro o rosso nerastro, la superfice è liscia con pressochè nessun peletto e, se il seme viene rotto, la parte interna è traslucida e racchiude una cavità irregolare contenente un embrione oblungo. I semi sono inodori ma di sapore fortemente amaro; contengono stricnina e brucina. Continua a leggere

Rimedi omeopatici

Silicea | I rimedi omeopatici

Il rimedio omeopatico Silicea ha la sua matrice materiale nel mondo minerale nel biossido di silicio, un semi metallo fragile, caratterizzato da uno spiccato splendore metallico, resistente all’ossidazione. La sua esistenza fu intuita per la prima volta da Antoine-Laurent Lavoisier, il padre della Chimica moderna, che nel 1789 ipotizzò che la silex (sabbia in latino classico) fosse essenzialemente un composto dell’ossigeno e di un elemento non ancora noto. Lavoisier fu ghigliottinato e l’effettiva scoperta del silicio avvenne ad opera di Gay-Lussac e Thénard, noti Fisici-Chimici. Fu presto chiaro che dopo l’ossigeno, il silicio è l’elemento più abbondante sulla crosta terrestre, tanto da costituirne il 28%. In natura si trova in quarzo, selce, arenarie, smeraldi, acquamarina e pietre semi-preziose come ametista, opale e zircone. È la componente principale di vetro, cemento, ceramiche, smalti. I composti di silicio trovano largo impiego nell’industria a motivo della non-reattività che li contraddistingue. Chip di silicio vengono utilizzati nei circuiti integrati e fette di cristalli di silicio costituiscono le celle fotovoltaiche per la conversione diretta dell’energia solare. Continua a leggere

. Adolescenti, . Depressione

Adolescenti tra delusioni e depressione: omeopatia unicista

Nella società del terzo millennio, le difficoltà tipiche del passaggio all’età adulta si collocano in un contesto di forte mediatizzazione che comporta una forzata ed estremizzata spettacolarizzazione del sé, in un mescolamento continuo di realtà e finzione.

Pare che senza pubblico non si possa vivere e automaticamente l‘approvazione degli altri diventa necessaria come l’aria che si respira; ciò porta al “soffocamento della personalità dell’adolescente.

ll giovane adulto del terzo millennio spesso non sa cosa vuole da sè stesso e dagli altri, perchè sovente avverte una dicotomia profonda tra ciò che la massa impera e i propri desideri, tra “ciò che fan tutti” e “ciò che sarebbe giusto”.

Il miraggio di un mondo patinato in cui il singolo è in accordo con tutti non si avvera mai, perchè gli altri, infelici e insaziabili, avari di gratificazione, rispondono troppo spesso con mortificazioni alla richiesta di riconoscimento. Continua a leggere