- Omeopatia & Ecosistema, - Omeopatia & Societa'

Antropocene: siamo in una nuova era?

antropoceneL’impatto dell’umanità sulla Terra è ora così profondo che, secondo un gruppo ufficiale di esperti che hanno formulato il parere al Congresso Geologico Internazionale a Cape Town il 29 agosto, deve essere dichiarata una nuova era geologica, l’Antropocene.

Secondo gli esperti, la nuova era inizia intorno al 1950 ed è definita innanzitutto dagli elementi radioattivi dispersi sul pianeta durante i test bellici nucleari, oltre che da un insieme di altri segnali, tra cui l’inquinamento da plastica, i fumi delle centrali elettriche, il calcestruzzo e persino le ossa di pollo domestico.

L’epoca attuale, l’Olocene (il cui nome significa “del tutto recente”), comprende i 12mila anni di clima stabile seguiti all’ultima glaciazione e durante la quale la civiltà umana si è sviluppata. Ma gli esperti sottolineano che l’impressionante accelerazione che si constata a partire dalla metà del 20esimo secolo  nelle emissioni di diossido di carbonio, nell’innalzamento delle acque, nell’estinzione globale delle specie e nella trasformazione delle terre ad opera della deforestazione e dello sviluppo, segnano la fine di quella fetta di tempo geologico. La Terra è così profondamente cambiata che l’Olocene deve lasciare il tempo all’Antropocene.

Il parere degli esperti del WGA

Jan-Zalasiewicz“La significatività dell’Antropocene è che propone una diversa traiettoria per il sistema Terra, di cui ovviamente siamo parte” dice il Professor Jan Zalasiewicz, un geologo dell’Università di Leicester e membro del Working Group on the Anthropocene (WGA) che ha preso avvio nel 2009. “Se la nostra proposta venisse accettate, l’Antropocene dovrà partire un po’ prima dell’epoca in cui sono nato io” dice. “Abbiamo vissuto la maggior parte delle nostre vite in qualcosa chiamato Antropocene e ci stiamo accorgendo ora della scale e della permanenza dei cambiamenti”.

Il Professor Colin Water, capo geologo della British Geological Survey e Segretario della WGA, ha affermato: “Essere capaci di individuare un intervallo di tempo ci dice qualcosa di quanto sia stato incredibile l’impatto umano sull’ambiente del nostro pianeta. Il concetto di Antropocene riesce a mettere insieme tutte queste osservazioni sul cambiamento climatico”.

Il Professor Chris Rapley, climatologo dell’University College di Londra ed ex direttore del Museo di Scienze di Londra e non membro di WGA, ha detto “L’Antropocene segna un nuovo periodo in cui le nostre attività collettive dominano il meccanismo planetario.” “Visto che il pianeta è il nostro sistema di supporto alla vita, di fatto è come se fossimo l’equipaggio di una grande astronave: l’interferenza con il suo funzionamento a questo livello e a questa scala è altamente significativa. Se io o te fossimo su una navicella spaziale più piccola, sarebbe impensabile interferire con i sistemi che ci forniscono aria, acqua, alimenti e controllo del clima. Ma il passaggio nell’Antropocene ci dice che stiamo giocando con il fuoco, un comportamento spericolato di cui ci pentiremo, a meno di afferrare la situazione”.

Martin_ReesMartin Rees, astronomo reale inglese ed ex presidente della Royal Society, ha affermato che l’alba dell’Antropocene è stato un momento significativo: “La prognosi peggiore per il prossimo millennio è che catastrofi biologiche, cyber o ambientali possano pignorare l’immenso potenziale umano, lasciando una biosfera impoverita”. Lord Rees ha inoltre aggiunto: “Le società umane potrebbero riuscire a navigare in questi pericoli, ottenere un futuro sostenibile e inauguare ere di evoluzione post-umana anche più meravigliose di quel che è già stato. L’alba dell’Antropocene marcherebbe una trasformazione unica da un mondo naturale ad uno in cui gli umani avviano la transizione a entità elettroniche e potenzialmente immortali, che trascendono i nostri limiti e possibilmente estendano la loro influenza oltre la Terra”.

La prova dell’impatto umano sul pianeta è schiacciante, ma i cambiamenti sono molto recenti in termini di tempi geologici, mentre un’epoca di solito si estende su decine di milioni di anni. “Una critica alla proposta dell’Antropocene è che al momento è molto breve come era ” dice Zalasiewicz.  “Ma la nostra risposta è che in realtà molti dei cambiamenti sono irreversibili“.

I segnali

Per definire una nuova era geologica è necessario trovare un segnale che si manifesti ovunque e che possa essere incorporato in depositi per future registrazioni geologiche. Ad esempio, l’estinzione dei dinosauri (avvenuta 66 milioni di anni fa alla fine del Cretaceo) è in corrispondenza di un “picco dorato” nell’abbondanza di sedimenti di iridio sparsi per il mondo: secondo la teoria di Walter Alvarez dell’Università di Berkeley, l’iridio è il metallo disperso dal meteorite che ha colpito la Terra causando l’estinzione dei dinosauri.

AntropocenePer l’Antropocene, il miglior candidato a “segnale” è dato dagli elementi radioattivi risultanti dai test nucleari, durante i quali sono state fatte esplodere nella stratosfera le bombe. “I radionuclidi sono il segnale più chiaro” ha detto Zalasiewicz. “Ma abbiamo l’imbarazzo della scelta per il radionuclide-segnale: ce ne sono così tanti!”

Altri picchi considerati come prova dell’inizio dell’Antropocene includono le sfere di carbone incombusto emesse dalle centrali elettriche. “La Terrra è stata affumicata, con segnali molto chiari in tutto il mondo a metà del 20esimo secolo” ha detto Zalasiewicz.

plastic pollutionSono stati considerati anche inquinamento da plastica, alluminio e particelle di calcestruzzo, e gli elevati livelli di azoto e fosfato presenti nei suoli a motivo dei fertilizzanti. Oltre a ciò, nonostante il mondo stia attraversando la sesta estinzione di massa nella storia di 700milioni di anni di vita organizzata sulla Terra, è difficile che questo fatto possa essere presa come segnale, visto che gli animali di cui si parla sono molto rari e dispersi.

polloAl contrario, alcune specie con l’aiuto umano si sono diffuse molto rapidamente sul globo. Il pollo domestico è un candidato per essere un segnale fossile che definirà l’Antropocene agli occhi dei futuri geologi. “Da metà del 20esimo secolo, è diventato l’uccello più comune al mondo. Si è fossilizzato in migliaia di discariche e angoli di strada nel mondo” . “E’ anche un uccello molto più grande del suo antenato, con uno scheletro diverso”.

I sedimenti

I 35 scienziati del WGA (30 dei quali a favore della designazione formale dell’Antropocene) passeranno i prossimi due-tre anni nella determinazione dei segnali più forti e netti. Aspetto cruciale, dovranno anche definire da dove partirà l’Antropocene. Le divisioni geologiche non sono definite da date ma da uno specifico confine tra livelli di roccia oppure, nel caso dell’Olocene, da un confine tra due livelli di ghiaccio in una carota di ghiaccio prelevata in Groenlandia e ora conservata in Danimarca.

Gli scienziati si stanno concentrando su siti dove i differenti livelli si formano di anno in anno e stanno analizzando sedimenti fangosi sulla costa di Santa Barbara in California e la Grotta di Ernesto nel Nord Italia nelle quali è possibile analizzare le concrezioni nelle stalattiti e stalagmiti. Sono allo studio anche i sedimenti sul fondo di vari laghi, le carote di ghiaccio prelevate in Antartide, i coralli, gli anelli nei tronchi degli alberi e persino i livelli di spazzatura nelle discariche.

Gli sviluppi

Una volta che i dati verranno raccolti, saranno formalmente inviati alle autorità stratigrafiche e l’Antropocene potrebbe formalmente entrare in vigore in un paio di anni. “Se siamo fortunati e troviamo, ad esempio, un core di sedimenti laminati in un ambiente marino profondo, in tre anni potremmo farcela”. Sarebbe un tempo rapidissimo per una decisione geologica di questo tipo: in passato avrebbe richiesto decine di anni (e magari anche secoli) per essere accettata.

uomo vitruvianoIl termine Antropocene è stato diffuso soltanto nel 2000 dal premio Nobel Paul Crutzen, che ritiene che il cambiamento di nome dell’era sia già in ritardo. Nel 2007 fu proprio Crutzen ad identificare quella che ha chiamato “la grande accelerazione” degli impatti umani sul pianeta a partire dalla metà del secolo scorso. Nel 2011 diceva “Il nome Antropocene sottolinea l’enormità della responsabilità umana come manager del pianeta“.

Nonostante l’auspicio degli esperti del WGA, la dichiarazione dell’Antropocene non è ancora scontata. “I nostri colleghi stratigrafici sono molto cauti sulla scala del tempo geologico. La vedono giustamente come la colonna vertebrale della geologia e non prendono modifiche alla leggera” ha detto Zalasiewiecz. “Ma penso che abbiamo dell’ottima documentazione”.

Rapley ha confermato che c’è molto di sostanza: “E’ molto appropriato che i geologi prestino attenzione formale ai segnali nei livelli di rocce sedimentarie che potranno essere evidenti a future generazioni di geologi… fintanto che ne esisteranno. La ‘grande accelerazione’ costituisce un segnale forte, rilevabile, incontrovertibile”.

Prove a favore dell’antropocene

L’attività umana ha:

  • spinto i tassi di estinzione di piante e animali ben oltre la media a lungo termine. La terra potrebbe vedere l’estinzione del 75% delle specie nei prossimi secoli se il trend dovesse continuare
  • aumentato i livelli di CO2 nell’atmosfera al tasso più rapido in 66 milioni di anni, passando da 280 ppm prima della rivoluzione industriale a 400ppm oggi (ma in aumento)
  • gettato così tanta plastica nelle acque che microparticelle di plastica sono praticamente ovunque e la plastica lascerà tracce identificabili dalle future generazioni
  • raddoppiato i livelli di fosforo e azoto nei suoli nell’ultimo secolo. E’ probabilmente il più grande impatto nel ciclo dell’azoto negli ultimi 2.5 miliardi di anni.
  • lasciato un livello permanente di particelle aeree nei sedimente e nei ghiacciai, tra cui carbone nero dalla combustione

Traduzione di “The Anthropocene epoch: scientists declare dawn of human-influenced age”, The Guardian – 29/08/2016


Se hai un dubbio o vuoi lasciare una domanda,
il Medico omeopata risponderà appena possibile.