- Omeopatia & Ecosistema

Illuminazione artificiale e salute

lampadine2Dall’ 1/09/09 le lampadine ad incandescenza da 100W sono bandite in tutta Europa, come previsto dalla decisione presa dai rappresentanti dei governi dei Ventisette Stati UE. Le tradizionali lampadine con il filo di tungsteno disperdono in calore il 90% dell’energia, utilizzandone per l’illuminazione solo il 10%. Un enorme spreco che può essere evitato con l’utilizzo di lampadine fluorescenti ad alta efficienza (le moderne lampade a risparmio energetico) o alogene e a led.

Queste lampadine durano 8 volte di più e  realizzano un abbattimento dei consumi pari all’80%: un consistente guadagno economico-ambientale e una minore emissione di gas serra. La ELC sostiene che se le lampadine a incandescenza verranno sostituite in tutta Europa entro il 2015, si avrà la riduzione di 23 milioni di tonnellate di anidride carbonica, con un risparmio di 7 miliardi di euro. E’ stato anche stimato che una sola lampadina ad alta efficienza nel corso del suo periodo di utilizzo consente di risparmiare fino a 60€. Dopo le lampadine da 100 Watt, dal 1 gennaio 2010 non saranno più in commercio le lampadine da 75Watt, da settembre 2011 quelle da 60Watt ed entro settembre 2012 scompariranno anche quelle da 40, 25 e 15 Watt.

lampadineCosì la lampadina  di Thomas Edison, dalla luce morbida e avvolgente che ha illuminato le nostre case per 131 anni sarà un ricordo, che impone la riflessione sul risparmio energetico, sulla sostenibilità ambientale e sulla salute. Luce e buio da sempre sono attorno all’uomo e nell’uomo. E all’alba del terzo millennio, troppa luce artificiale costituisce una delle cause del disastro ambientale. Ora per l’uomo civilizzato recuperare il naturale rapporto col buio sarebbe  un luminoso regalo. Perchè non considerare che la salute risiede anche nel rispetto dei ritmi circadiani? Di giorno gli esseri viventi sono uniti nella luce e di notte nel buio, mentre l’uomo è l’unica creatura che vive la notte nella solitudine della luce artificiale, per poi perdere nel sonno la luce dell’alba di un nuovo giorno. 

Etichette: , , ,

Se hai un dubbio o vuoi lasciare una domanda,
il Medico omeopata risponderà appena possibile.